cookies
 


I nostri ricercatori sono impegnati quotidianamente in programmi di ricerca contro le infezioni fungine e batteriche, che rappresentano un’importante causa di mortalità e morbilità. Nei primi anni ’80 abbiamo sviluppato il primo carbapenemico, un antibiotico ad ampio spettro, capolavoro di ingegneria chimica. Il paziente è spesso affetto da più di un’infezione contemporaneamente, ma l’interdisciplinarietà dei nostri laboratori di ricerca ci consente di affrontare efficacemente le sfide più impegnative approcciandole da più parti. I nostri sforzi protesi all’avanzamento scientifico non si fermano mai e ci hanno consentito di sviluppare la prima echinocandina, uno dei farmaci capostipite della terapia antifungina.
Il nostro impegno ha inoltre aumentato la compliance dei pazienti onco-ematologici per la profilassi delle infezioni invasive fungine con posaconazolo rendendo disponibile la formulazione in compresse.
Inoltre negli ultimi anni il fenomeno crescente della resistenza agli antibiotici ci ha messo davanti un'ulteriore importante sfida, la battaglia contro le infezioni batteriche sostenute da patogeni multiresistenti ovvero che hanno acquisito la capacità di contrastare l’azione battericida/batteriostatica di un anti-microbico, risultando ad esso “resistenti”.
Secondo l’OMS, l’antibiotico-resistenza è divenuta negli ultimi anni una priorità di sanità pubblica a livello mondiale, non soltanto per le rilevanti implicazioni cliniche (aumento della morbilità, letalità, durata della malattia, possibilità di sviluppo di complicanze e possibili epidemie), ma anche per la inevitabile ricaduta economica. Per questo sono stati sviluppati due nuovi antibiotici: un ossazolidinone ed una cefalosporina di avanzata generazione associata ad un inibitore delle beta lattamasi. Inoltre il nostro armamentario si è arricchito recentemente con la commercializzazione della daptomicina antibiotico con un meccanismo d'azione unico e peculiare.
In futuro speriamo di poter presentare anche altre molecole innovative contro il clostridium difficile ed il citomegalovirus, nonché il vaccino contro l’herpes zoster.
Il presente materiale non intende in alcuna maniera, né direttamente, né indirettamente, delineare o sostituirsi a percorsi terapeutici che rimangono esclusiva responsabilità del medico curante. Le indicazioni contenute in questa pubblicazione non devono essere valutate in sostituzione di cura professionale medica.
Le informazioni contenute in questa sezione sono parziali. A breve saranno consultabili i foglietti illustrativi integrali dei singoli prodotti


 

  • Informazioni
  • I prodotti